Author Archive: Admin

Comunicato – 16 Dicembre 2016

Il comitato Radici Accumolesi comunica che tutti i contributi provenienti dalla raccolta fondi organizzata in seno ad eventi, dalle donazioni e dalla distribuzione delle felpe saranno utilizzati, in base a quanto previsto dal nostro statuto, per sostenere le finalità del comitato cioè quelle di supportare il territorio e tutte le persone colpite dal sisma. La decisione di come utilizzare i fondi sarà comunque presa dall’Assemblea dei soci, su proposta del Consiglio Direttivo. Il Comitato si autofinanzierà soltanto con il contributo dei soci attraverso le quote sociali annuali. I soci verranno informati sulI’andamento delle entrate ( eventi, donazioni ecc.) attraverso la pubblicazioni di elenchi e resoconti.

Dalla distribuzione delle felpe si è ricavato:

Acquisto da parte dell’Associazione Brictense di n. 688 felpe €.  9.632,00 al prezzo unitario di €. 14,00

Felpe distribuite n. 583 al prezzo di €. 20,00 cadauna €. 11.660,00

Donazione al Comitato “Radici Accumolesi” effettuata €. 2.028,00 con bonifico dall’Associazione Brictense

Felpe ancora da distribuire n. 105

Felpe distribuite gratuitamente ai residenti nella tendopoli di Accumoli n. 50, donazione effettuata direttamente dal presidente dell’Associazione Brictense dott. Vittorio Bernardini.

Si ringrazia l’Associazione Brictense e Gianfranco Valentini

Comunicato – 08 Dicembre 2016

Ieri presso la sede della Facoltà di Ingegneria Civile Edile-Architettura dell’Università de l’Aquila, il Direttore del Dipartimento, il Prof. Angelo Luongo coadiuvato dal Prof. Renato Morganti ed il Comitato Radici Accumolesi, hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per la ricostruzione del Comune di Accumoli.
Con la sottoscrizione della Convenzione, il Dipartimento mette a disposizione della Comunità Accumolese tutte le proprie conoscenze tecnico scientifiche maturate in materia di ricostruzione post sisma con l’obiettivo, ambizioso ma perseguibile, di fare del nostro Comune in un prototipo in tal senso.
In particolare alla base dell’accordo c’è l’impegno di promuovere ricerche e studi finalizzati a trasformare le opere di ricostruzione in un laboratorio di sperimentazione di avanzate tecniche di prevenzione antisismiche
Uno degli obiettivi è quello di conseguire il maggior grado possibile di resistenza sismica partendo dal costo unitario per la ricostruzione, fissato dalla struttura commissariale, attraverso l’adozione di modelli progettuali predisposti dal Dipartimento, impiegando tecnologie e materiali innovativi.
Naturalmente il progetto non limita in alcun modo la libertà del singolo cittadino di scegliere il progettista di fiducia, ma pone a sua disposizione modelli cui fare riferimento.
È un progetto che il Comitato ha perseguito con caparbietà e che è stato sposato sin dal primo momento dal Dipartimento di Ingegneria, cui va il nostro ringraziamento per la fiducia accordata. La ricostruzione di Accumoli potrà diventare, se il progetto andrà in porto, un esempio anche a livello nazionale.
Siamo consci che progetti di tale portata non possono essere imposti dall’alto ma il suo successo non potrà prescindere dal coinvolgimento attivo della popolazione e, a tal fine, il Comitato organizzerà a breve incontri con i cittadini, con la partecipazione del Dipartimento, per illustrare il progetto nel dettaglio.

Il Presidente del Comitato “Radici Accumolesi”

Comunicato – 29 Novembre 2016

VERIFICA PROPRIETA’ EFFETTIVA DEI FABBRICATI

Uno dei problemi che, in situazioni analoghe, ha rallentato non poco le procedure previste per l’ammissione ai contributi per la ricostruzione (affidamento di incarichi di progettazione, costituzione dei consorzi obbligatori ecc.) è la mancanza di corrispondenza tra il nominativo del proprietario del fabbricato e quanto risulta nei registri degli uffici competenti (Catasto, Conservatoria ecc.).

Le discordanze possono dipendere, tra l’altro, da denunce di successione non presentate o non volturate, con la conseguenza che la proprietà del fabbricato risulta ancora a nome del defunto o anche dalla mancata divisione dell’asse ereditario, risultando così la proprietà intestata a più persone alcune delle quali potrebbero risultare non reperibili.

Considerato che le procedure per sanare tali difformità richiedono tempi spesso non brevi, si invitano tutti i proprietari a verificare presso i competenti uffici le loro posizioni ed eventualmente attivarsi in tempo utile per risolvere preliminarmente le situazioni critiche.

 Il presidente del Comitato “Radici Accumolesi”

Comunicato – 26 Novembre 2016

Comunicato

Questa mattina presso i locali del COC si è svolto un incontro tra una delegazione del Comitato “Radici Accumolesi” ed il sindaco Stefano Petrucci.
I rappresentanti del comitato hanno accolto favorevolmente l’intensificarsi delle attività di verifica finalizzate a ristabilire la viabilità all’interno di Accumoli e delle frazioni. Tale attività sarà propedeutica a quelle delle demolizioni, dello sgombero macerie e della messa in sicurezza. Gli stessi rappresentanti hanno evidenziato che a questo punto non era più rinviabile la soluzione del problema del trasporto e della custodia dei beni da recuperare. Precedentemente il Comitato aveva avanzato la proposta di introdurre il credito d’imposta analogamente a quanto deciso per la ricostruzione degli immobili o in subordine utilizzare i fondi messi a disposizione della Regione Lazio. Il sindaco, sentito il parere del Commissario Errani, ha accolto la proposta del comitato decidendo di sostenere totalmente le spese di trasporto e custodia dei beni recuperati negli immobili danneggiati dal sisma. Il comitato auspica che nei prossimi giorni vengano comunicate e chiarite le modalità di accesso a tale beneficio.
Altro punto sul quale il comitato si era battuto era quello dell’utilizzo dei fondi messi a disposizione dal Consiglio della Regione Lazio con propria delibera n. 96 del 30/08/2016, tali fondi sarebbero dovuti servire a sostenere il reddito delle persone che avevano dovuto cessare le attività a causa del sisma del 24 agosto o ad integrare parzialmente o totalmente le provvidenze previste nel decreto n. 196. Il sindaco ha comunicato che la prossima settimana convocherà il consiglio comunale al fine di approvare e regolamentare i contributi da elargire ai lavoratori ed a quanti ne hanno diritto, ivi compresi i soggetti privi di reddito, così come previsto dalla delibera del Consiglio Regionale sopra citata e successiva determina n. 612 del 16/09/2016 del Segretario Generale del Consiglio Regionale.
Il presidente del Comitato “Radici Accumolesi”
Renzo Colucci

Comunicato – 26 Novembre 2016

Testo della lettera inviata al Commissario straordinario Errani:

Al Commissario Straordinario

Vasco Errani

Nell’ultimo periodo e sempre più frequentemente, professionisti e/o società di ingegneria contattano proprietari di edifici danneggiati dal sisma, proponendosi per assumere incarichi di consulenza ed assistenza per la individuazione degli aggregati unitari (UMI), per la costituzione dei Consorzi obbligatori e per le attività di progettazione.

E’un fenomeno da non sottovalutare visto che, in situazioni analoghe, ha determinato da parte dei professionisti, l’assunzione di un numero di incarichi superiore alle loro effettive capacità operative, provocando in tal modo ritardi nella ricostruzione nonché il verificarsi di fenomeni di sub affidamenti delle attività di progettazione.

Il D.L. 189 (Decreto Sisma) dà la possibilità ai Comuni di individuare gli aggregati unitari (Vd. art. 11 comma 8); stabilisce altresì che gli incarichi di progettazione possono essere assegnati esclusivamente a professionisti iscritti negli Elenchi Speciali. Detti elenchi dovranno essere istituiti dal Commissario (Vd. art. 34) il quale dovrà stabilire, tra l’altro (Vd. comma 7) “i criteri finalizzati ad evitare concentrazioni di incarichi …”.

Al fine di prevenire possibili situazioni di confusione e scarsa trasparenza, sarebbe opportuno un intervento teso a sensibilizzare i proprietari di immobili affinché si astengano dal conferire incarichi prima della individuazione degli aggregati unitari e della istituzione degli Elenchi speciali per i professionisti.

Distinti Saluti

Il presidente del Comitato “Radici Accumolesi”