Author Archive: Admin

COMUNICATO – 01 Febbraio 2017

Comitati “TerraNostra-2016” e “Radici Accumolesi”

INCONTRO CON IL COMMISSARIO ERRANI DEL 23.1.2017

C O M U N I C A T O   C O N G I U N T O

Il 23 gennaio 2017, si è tenuto a Roma un incontro con il Commissario per la Ricostruzione, Vasco ERRANI, a cui hanno partecipato, oltre ad alcuni autorevoli rappresentanti del suo staff tecnico, Prof. Mauro  DOLCE (Direttore Generale del Dipartimento della Protezione Civile), Prof. Paolo MESSINA (CNR-IGAG) e Prof. SCARASCIA MUGNOZZA (Università di Roma), il Sindaco di Accumoli, Stefano PETRUCCI, l’Assessore alle Infrastrutture, Politiche Abitative ed Enti Locali della Regione Lazio, Fabio REFRIGERI, ed i Presidenti dei Comitati “Radici Accumolesi”, Renzo COLUCCI, e “TerraNostra-2016”, Raul DURANTE, quest’ultimo, affiancato dai Proff. Sergio D’OFFIZI e Alessandro MARTELLI, rispettivamente Consigliere Scientifico e Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico del medesimo Comitato.

L’incontro, che è stato possibile grazie all’intermediazione del Sindaco PETRUCCI, ha avuto per oggetto la proposta avanzata dal Comitato “TerraNostra-2016”, contenuta nel documento tecnico “Terremoti in Italia Centrale – Azioni Urgenti Propedeutiche alla Ricostruzione”, pubblicato sul sito web “terranostra-2016.weebly.com” già nel novembre 2016 e, più specificatamente, nell’elaborato riassuntivo, presentato al momento del suddetto incontro e consegnato in più copie agli intervenuti, titolato “Aspetti sismotettonici da completare”.

Proposta che riguarda in particolare la necessità di dover procedere al più presto ad effettuare, oltre alla microzonazione di dettaglio (di livello 3), indagini geofisiche con sismica a riflessione profonda sulla faglia o sul sistema di faglie da cui, a partire da quella del monte Vettore, ha preso l’avvio la sequenza sismica distruttiva iniziata con il terremoto del 24 agosto 2016; ciò, al fine di individuare le strutture sismogenetiche profonde (fino a 15-20 km di profondità) che hanno causata tale sequenza e giungere a definire, unitamente a tutte le altre informazioni sismologiche e geologiche fin qui raccolte da INGV e Protezione Civile, un modello sismotettonico complessivo, mediante il quale stabilire posizione, meccanismo e magnitudo del massimo terremoto potenziale che potrebbe essere rilasciato in futuro dalle strutture sismogenetiche suddette.

Ovviamente, dato che successivamente al 24 agosto 2016 e fino al 18 gennaio di quest’anno, si sono verificati numerosi ulteriori sismi di elevata intensità (M>5) e che l’intera recente sequenza sismica è andata a colmare il tratto silente compreso tra le aree oggetto delle sequenze sismiche del 1997-98 (Colfiorito-PG) e 2009 (l’Aquila), la suddetta proposta è stata estesa anche a queste due ultime aree, già ben note per l’elevato rischio sismico che presentano. Estensione che permetterà una migliore comprensione del fenomeno sismico iniziato il 24 agosto ed allo stesso tempo di fornire informazioni di elevato livello scientifico anche alle aree adiacenti anzi dette, colpite da terremoti distruttivi nel 1997-98 e 2009.

L’individuazione delle suddette caratteristiche del massimo terremoto potenziale dell’area in esame, unitamente alla ricostruzione dell’assetto geologico-strutturale d’insieme ed agli esiti della microzonazione di livello 3, sono infatti ritenuti gli elementi indispensabili per poter definire un input sismico più realistico che, a sua volta, consentirebbe ai progettisti di realizzare strutture certamente più sicure e meno vulnerabili.

L’esito dell’incontro è da ritenersi certamente soddisfacente in quanto ha evidenziato come la componente tecnica di cui si avvale il Commissario ERRANI, compreso il supporto di esponenti della Protezione Civile, di cui il Prof. DOLCE medesimo è rappresentante autorevole, nella sostanza condividesse le proposte contenute nel suddetto documento, avendo già avviato per il Comune di Accumoli, le attività di microzonazione di livello 3 e, per quanto riguarda le indagini profonde del sistema di faglie all’origine dei sismi, avendo tempestivamente predisposto l’acquisizione degli eventuali profili di sismica a riflessione rilevati in passato ed in possesso delle compagnie petrolifere che avevano permessi di ricerca nella zona di nostro interesse, alle quali peraltro sarebbero già stati richiesti.

Pertanto, l’impegno assunto in chiusura dai partecipanti all’incontro è stato di avviare una stretta collaborazione e di verificare a breve lo stato di avanzamento delle attività, attraverso un successivo contatto/incontro da tenersi all’incirca entro il prossimo mese di marzo.

Comunicato – 27 Gennaio 2017

Fonte Regione Lazio – gare opere di urbanizzazione: Illica aggiudicata ad una ditta di Terni. Lunedì si apriranno le buste per Fonte Del Campo effettuata gara con procedura negoziata. Entro il 6 febbraio saranno assegnate tutte le altre aree ad eccezione di Grisciano che andrà in gara entro il 15 febbraio

Comunicato – 27 Gennaio 2017

Fonte Provincia di Rieti: la forestale di Cittareale sta effettuando i sopralluoghi per verificare se permane ancora il rischio di valanghe sul tratto Terracino Forcelle. La strada con molta probabilità sarà riaperta tra stasera e domattina.